Browsing Category

L’ Intervista

Digrim L' Intervista

Faietti: Digrim rete d’eccellenza, con noi il top della cucina professionale

Dalle forchette fino agli impianti di aspirazione e trattamento dell’acqua: il mondo delle cucine professionali passa per Digrim, gruppo di acquisto con oltre 40 anni di storia. Una vetrina di ben 150mila prodotti, composta da un centinaio di rivenditori, alla quale aderiscono circa 150 fornitori. Una rete di eccellenze che ha tra i protagonisti anche Picariello Arredo Design, azienda leader nel mercato dell’arredamento di locali pubblici e hotel di lusso. “Lo abbiamo contattato non appena si sono create le condizioni sulla piazza in cui opera, dove era sicuramente il profilo migliore”, precisa Francesco Faietti, direttore marketing di Digrim. “Parliamo di un’azienda solida e di grande affidabilità, caratteristiche alle quali guardiamo con attenzione nella scelta dei nostri partner. Con Picariello si è instaurato da subito un rapporto assolutamente gratificante”. Digrim opera nel settore degli impianti e delle apparecchiature per le cucine professionali dal 1976. “Il nostro gruppo di acquisto è nato dall’intuizione di alcuni amici agenti della Zanussi Grandi Impianti, poi diventata Electrolux. Si sono confrontati e hanno capito che c’era la possibilità di comprare tutti i prodotti complementari in modo centralizzato spuntando notevoli economie. Un’idea innovativa, soprattutto tanti anni fa, quando i gruppi d’acquisto erano davvero pochi”. Oggi come allora, Digrim opera come collettore di proposte di prodotto e di servizio nei confronti dei propri associati: agenti e dealer di grandi impianti. Da semplici economie d’acquisto la sfida oggi si completa e si gioca sui servizi a supporto della vendita.

Come funziona il gruppo di acquisto Digrim?

La nostra organizzazione si basa sull’opportunità data ai singoli soci della cooperativa di completare il pacchetto dell’offerta delle loro case mandanti e/o fornitrici con evidenti benefici in termini di gamma proposta ai loro clienti finali. E’ chiaro che l’aggregazione di questi volumi sui mercati di incetta crea interessanti economie sulle condizioni di fornitura e sui livelli di servizio. Il potere contrattuale del gruppo è chiaramente maggiore rispetto alle singole capacità di acquisizione dei soci.

Quali altri vantaggi hanno i vostri associati?

Sicuramente le semplificazioni dei processi relativi agli acquisti: penso alle selezione, alla contrattazione e alla gestione delle condizioni nel tempo. Un lavoro notevole che gestiamo nell’interesse dei nostri associati che rappresentano il nostro punto di forza, il nostro valore aggiunto.

Come scegliete i vostri associati?

Abbiamo un profilo qualificato che guarda i territori e le loro potenzialità, seguendo sia i rivenditori storici che quelli emergenti. Poi, analizziamo e indaghiamo sulla solidità finanziaria ed economica, così come sulla qualità dei prodotti proposti e dei servizi garantiti, a partire dall’assistenza post-vendita. Sono queste le attività con le quali si fa la differenza.

Qual è il vostro punto di forza, il fattore che fa la differenza rispetto ai tanti competitors?

Prima di tutto la qualità dei nostri partner e dei nostri prodotti. Digrim è inoltre molto visibile sul mercato grazie al suo portale che ha sostituito il catalogo e che ha online circa 150.000 articoli selezionatissimi, che hanno superato test di qualità specifici. I soci si collegano e hanno tutto a portata di mouse. Questo è un notevole punto di forza, perché aiuta il socio ad essere visibile. Da circa tre anni, inoltre, abbiamo lanciato anche la linea KiPro (Professional Kitchen) nata dall’esigenza di capitalizzare ulteriormente la nostra esperienza di campo, esprimendo una curatissima selezione di 150 prodotti di eccellenza, scelti tra aziende italiane con contratti pluriennali e tempi di consegna garantiti. Una vetrina prestigiosissima, uno dei nostri fiori all’occhiello.

L' Intervista

Marigliano: stile vintage e tanta natura, la gente vuole sognare

marigliano-stile-vintage-e-tanta-natura-la-gente-vuole-sognare

Marmo, ottone, legno e altri materiali nobili. L’architetto Savio Marigliano, esperto progettista specializzato nella realizzazione di ristoranti e alberghi, non ha molti dubbi sulle nuove tendenze. Con il suo studio si è da tempo posizionato su un mercato caratterizzato da uno stile che guarda al glam spinto, a volte fino ad un certo gusto retrò.  Una scelta premiata da una crescente richiesta che spinge ad un progressivo ritorno al classico, ai valori forti e rigorosi, anche nell’arredamento. Come nel caso di uno degli ultimi lavori realizzati, il  “Vega Caffè” di Frattamaggiore, una caffetteria raffinata che richiama il grande fascino dei bistrot parigini. Un lavoro firmato a quattro mani con Picariello Arredo Design. “In questo momento di grande incertezza sociale – osserva – la gente vuole sentirsi rassicurata e, quindi, più che le effimere leggerezze del moderno , tende a guardarsi indietro a periodi storici recenti ma allo stesso tempo nostalgici, quando si guardava al futuro con un occhio diverso”.

Nessuna concessione al moderno?

Come studio abbiamo fatto da tempo una scelta diversa: abbiamo studiato, viaggiato e fatto nostro un linguaggio che possiamo definire classico per gli elementi e le geometrie diverse dal rigorosissimo moderno che comunque apprezziamo. Le proporzioni auree, le cornici in gesso di coronamento, il calore del legno piallato a mano e lucidato, la scelta di un marmo unico per noi restano emozioni senza tempo.

Continua a Leggere

L' Intervista

L’architetto Razza: “Materiali naturali per un design senza tempo”

L'architetto Razza

La nuova sede Aloha ad Avellino e il Caffè Manari a Capri sono le ultime creazioni plasmate dallo studio “Archingegno” in sinergia con Picariello Arredo Design. Per la prima realizzazione post-Covid sull’isola azzurra, progettata dall’architetto Tommy Razza che opera in stretta sinergia con gli altri due associati Marietta Giordano e Virginio Sessa, sono stati scelti arredi originali in marmo e oro per un’atmosfera glamour-chic. Una linea riproposta con altrettanto successo anche per la casa del gelato artigianale, inaugurata poche settimane fa ad Avellino, nei pressi di piazza Libertà. “In entrambi i locali – precisa l’architetto Razza – abbiamo lavorato con il marmo statuario, unito all’ottone e al corian. Sono materiali che, se ben combinati tra loro, garantiscono un risultato finale di grande impatto e in linea con le ultime tendenze sul fronte del design”.

Continua a Leggere

L' Intervista Novità

Ciam sbarca al Sigep di Rimini con il nuovo sistema Multix. Malizia: “Show del gelato con i maestri pasticcieri Carrara e Besuschio”

sigep-rimini-malizia

Dopo la proficua tappa all’Host di Milano, Ciam si prepara a sbarcare al Sigep di Rimini, giunto alla 41esima edizione. Dal 18 al 22 gennaio, nell’avveniristico e accogliente Quartiere Fieristico emiliano, i visitatori saranno guidati alla scoperta di percorsi tematici focalizzati su 5 settori principali, interconnessi in modo da unire in un’unica visione globale il mondo del Dolce.

“Abbiamo fatto un’attenta selezione – precisa Federico Malizia, Ceo dell’azienda leader nella fornitura di design e tecnologia per arredatori nel settore bar, pasticcerie, gelaterie e ristorazione – dei prodotti presentati all’Host. Rispetto all’evento di Milano c’è infatti una minore disponibilità di spazio, ma è chiaro che Ciam sarà comunque presente con un’offerta di grande impatto e altamente tecnologica”.

Continua a Leggere

L' Intervista Novità

HostMilano, Ciam rilancia. Malizia: “Ecco le nostre nuove vetrine”

hostmilano-ciam-rilancia-malizia-ecco-le-nostre-nuove-vetrine

“Attendiamo con particolare interesse e curiosità la prossima edizione di HostMilano che per noi rappresenta un giro di boa. A Milano porteremo infatti più del 60 per cento dei nostri prodotti rinnovati e ristilizzati. E’ il frutto di un lavoro lungo più di un anno”.

Federico Malizia, Ceo di CIAM Spa, azienda leader nella fornitura di design e tecnologia per arredatori nel settore bar, pasticcerie, gelaterie e ristorazione, annuncia le novità del mondo Ciam in vista della quattro giorni di Milano che si aprirà il 18 ottobre.

“L’Host sarà l’occasione per presentare le nuove Vetrine Orizzontali e Verticali. Parliamo di industrializzazione tecnologica, immagine coordinata e nuove soluzione sulle alzate vetro tra cui un brevetto su un rivoluzionario sistema di anti-appannamento dei vetri”.

La kermesse di Milano sarà anche l’occasione per aprire il sipario su un progetto di modularità “che porterà i nostri prodotti a parlare lo stesso linguaggio e ad avere uno stile unico e riconoscibile”, aggiunge Malizia.

HostMilano è la vetrina internazionale di tutto ciò che serve per un locale di successo: dalle materie prime ai semilavorati, dai macchinari alle attrezzature, dagli arredi alla tavola.

Un momento espositivo unico che unisce la specializzazione verticale delle aree dedicate con le affinità di filiera in diverse macroaree: ristorazione professionale; pane, pizza, pasta, caffè, tè; bar, macchine caffè, vending; gelato, pasticceria; arredo, tecnologia, tavola.

Ad attendere gli operatori professionali di tutto il mondo uno spaccato completo del meglio dell’ospitalità e dell’hotellerie mondiale, con le ultime novità del settore in termini di equipment, materie prime, attrezzature e semilavorati. Il tutto completato da un palinsesto senza confronti di appuntamenti in cui esperti e top player condivideranno case history e know-how, tra show-cooking, competizioni e conferenze.

Sarà soprattutto un momento di confronto con operatori e partners. Per Ciam sarà l’occasione per presentare il brevetto del sistema Multix, condiviso con Gelsystem di Viterbo, azienda leader nei settori della climatizzazione, refrigerazione, centrali frigorifere, economizzatori d’acqua e impianti frigo opera in tutto il territorio italiano.

“Durante la kermesse – precisa il Ceo di Ciam – organizzeremo un focus sulle eccezionali prestazioni di Multix con una vetrina allestita con pasticceria e pralineria curata dalla storica pasticceria Besuschio di Milano. Durante la demo faremo vedere come grazie alla tecnologia Multix, al compressore inverter e al controllo elettronico si può gestire e conservare il prodotto in maniera ottimale, senza sbalzi della curva dell’umidità. Un valore aggiunto per i pasticcieri”.

Non mancheranno momenti di condivisione anche con Picariello Arredo Design, azienda protagonista nel mercato dell’arredamento di locali pubblici e hotel di lusso. “Con Picariello c’è un rapporto consolidato che va ben oltre la fornitura. C’è confronto, contaminazione positiva per entrambi. Spesso – continua Malizia – ci vengono proposti allestimenti di arredamenti finiti che ci spingono ad adeguarci alle indicazioni del designer o dell’architetto, cercando di lavorare in maniera sempre più mirata e personalizzata. Picariello è un’azienda strutturata con un proprio ufficio tecnico e servizi di montaggio e assistenza post- vendita assolutamente all’avanguardia. E’ il partner ideale per chi, come noi, costruisce e ha bisogno di riferimenti affidabili sul territorio”.

L' Intervista

Attività commerciali, ristoranti e alberghi: per l’architetto Marigliano ogni progetto è come un abito su misura

Savio_marigliano

Materiali, allestimenti, arredi su misura e finiture. Ma anche il perfetto utilizzo degli spazi a disposizione. Il tutto da combinare insieme con sapienza e stile. La progettazione di negozi, attività commerciali e locali pubblici è una vera e propria arte che risponde ad una semplice regola: tutto ciò che si realizza deve avere come obiettivo finale la creazione di un design personalizzato e funzionale. Come? Ce lo spiega l’architetto Savio Marigliano, esperto progettista specializzato in ristoranti e alberghi.

Architetto, da dove si comincia per allestire un nuovo locale?

Senza dubbio da un’analisi dei costi. Dietro una progettazione ci deve essere innanzitutto uno studio commerciale. Qui non parliamo di un’abitazione da realizzare al meglio in base alle disponibilità del cliente che deve viverci. La spesa complessiva per l’apertura di un’attività va considerata oltre al mero budget economico e calibrata anche sulla stima di quanto un certo investimento possa ripagarsi attraverso i guadagni futuri. Naturalmente parliamo di spese oggettive: attrezzature, arredi e lavori. Il mio consiglio è sempre quello di effettuare un attento esame preventivo di questo aspetto.

Continua a Leggere

× Come possiamo aiutarti?